Archivi per la categoria ‘I miei lavori’

Tenda corta con riquadro di gigliuccio e cifre ad intaglio

Tenda corta con balza di cm. 15 e orli laterali di cm. 2 fissati a punto a giorno
Riquadro centrale di gigliuccio con cifre ad intaglio sull’angolo dx.
Dim. L cm. 160 x H cm. 165
Montata su bastone con anelli.

Disegno cifre: rielaborazione di Marinella per ricamo ad intaglio di alfabeto visto su Mani di Fata.
Ideazione: Marinella

Tessuto puro lino bianco di media pesantezza in H 180 della Tessititura Monti S.p.A.
Di Maserada sul Piave (TV) – Tessuto occorrente cm. 215 in H 180.
Filo di spagnoletto bianco n° 50 Marca CCC.
Filo da Ricamo n° 25 bianco col 1 Ancora.
Filo moulinè bianco col 1 Ancora.
Riloga alta cm. 5 cm.180   + 16 gancetti di plastica .

Il tessuto non va lavato prima di eseguire il taglio.

Togliete le cimose.
Togliete il primo filo per il punto a giorno della balza a cm. 45 dal fondo della tenda fermandovi a cm. 6 su entrambi i lati. Togliete il primo filo dei due lati a cm. 6 dai bordi partendo dal filo tolto sulla balza . Otterrete così la cornice della tenda su cui chiudere le pieghe ed eseguire il punto a giorno di finizione.
Sulla balza togliete ancora 6 fili e sui lati altri 3.
Imbastite in doppio le pieghine laterali e fissate la parte della balza che eccede la sfilatura con un lungo ed invisibile sottopunto.
Ripiegate in doppio la piega della balza ed imbastitela.

Eseguite il punto a giorno a colonnette prendendo 4 fili sui lati e 5 fili sulla balza.
Usate il filo di spagnoletto n° 50.
Fissate le saldine d’angolo a p.to asola sul rovascio delle pieghe, ma non chiudete le aperture laterali della balza. Le chiuderete dopo aver lavato la tenda finita per evitare che il tessuto, calando, si raggrinzisca.

Ora sfilate il filo centrale del riquadro del gigliuccio tenendovi a cm. 40 dalla pieghe laterali e a cm. 50 dal punto a giorno della balza.
Congiungete i fili ad angolo retto sul lato sx e lasciate libera la congiunzione del lato dx fermandovi con la sfilatura a cm. 20 dalla congiunzione sia sulla base che sul lato dx della sfilatura a U. Risalite con la sfilatura fermandovi a cm. 30 dall’alto.

Sull’angolo dx disegnate le cifre come vedete nell’immagine.

Girate la tenda e sul rovescio sfilate il gigliuccio: togliete 7 fili al lato dx e 7 fili al lato sx del filo già tolto. Saltate 4 fili su entrambi i lati e togliete 4 fili a dx e a sx della sfilatura per eseguire il punto a giorno di chiusura.
Eseguite il gigliuccio  prendendo 5 fili usando il filo di spagnoletto.

Eseguite l’angolo del gigliuccio a p.to spirito con il filo da Ricamo n°25
Con il filo da Ricamo n° 25 eseguite la parte ad intaglio delle cifre.
Ricamate le linee a p.to erba doppio.
Imbottite le foglioline ed i pois con due fili di moulinè e ricopriteli a p.to
pieno

Ritagliate l’intaglio e lavate la tenda a 60° senza centrifugare.
Appena asciutta ripassate bene l’intaglio.
Stiratela umida per ridistenderla perfettamente.
Stendetela su un tavolo e misurate cm. 165 partendo dalla fine della balza.
Su questa misura segnate il dritto filo su tutta la larghezza.
Misurate altri 12 cm. verso l’alto, tirate un filo su tutta la lunghezza e tagliate la stoffa eccedente.
Ripiegate in doppio i 12cm. e appiattite con il ferro da stiro.
Su questa ripiegatura cucite a macchina una riloga alta almeno 5 cm.e poi inserite i gancetti ogni 10 cm.
Chiudete  le partilaterali della balza con punti morbidi ed invisibili.

Riinumidite la tenda e stiratela prima sul rovescio e poi sul dritto. Quando sarà del tutto asciutta date l’ultima stirata spruzzando un po’ di appretto spray.

Questo tipo di cifra ad intaglio si presta ad essere ricamata sia su tende che su tendine a vetro.

Esempio di cifre ricamate su tendina a vetro.
Sulla sommità della riga di gigliuccio ricamate un piccolo motivo a
intaglio

Tendine a vetro con riquadro di gigliuccio e motivi ad angolo

Tendine a vetro con punto a giorno su piega doppia da cm. 4 sui 4 lati;
riquadro centrale di gigliuccio con motivi ad intaglio sui 4 angoli.
Dim. cm. 40 x cm. 135
Particolare inferiore
Motivo d’angolo ad intaglio.

Disegno ed ideazione : Marinella
Tessuto: puro lino bianco leggero (tipo lenzuola) in H 180 della Tessitura Monti s.p.a.
– Maserada sul Piave (TV).
Per ciascuna tendina servono cm. 160 x 60 di tessuto non lavato.
Filo di spagnoletto bianco n°50 marca CCC
Filo da Ricamo Ancora n° 25 colore bianco n°1

Il tessuto va lavato a 60° prima di eseguire il taglio.

Taglio tendina cm. 56 x cm. 151.
Togliete il primo filo per il punto a giorno a cm. 12 sui 4 lati.
Tagliate altri 6 fili su ogni lato e sfilateli.
Ripiegate in doppio le pieghe laterali e imbastitele.
Fissate con uno stretto ed invisibile sottopunto le 4 parti delle pieghe che eccedono la sfilatura.
Ripiegate in doppio la piega superiore e quella inferiore e imbastitele.
Eseguite un punto a giorno a colonnette prendendo 5 fili.
Fissate i fili d’angolo con un punto asola dato sul rovescio del lavoro.

Chiudete con un sottopunto le ribattiture laterali delle pieghe dell’alto e del basso.
Chiudete le aperture laterali cucendo tra loro la 1^ e la 2^ ribattitura in modo da inserire il bastoncino sul retro della tendina.

Sfilate il filo centrale del riquadro a gigliuccio tenendovi a cm. 20 dal punto a giorno dell’alto e del basso e a cm. 10 dai punti a giorno dei lati lunghi.
Non fate intersecare i fili tra loro, ma fermatevi a cm. 9 prima dell’angolo di congiunzione.
Disegnate il motivo ad intaglio tenendo i vertici dei petali laterali in linea con il filo centrale del gigliuccio come vedete nella foto del particolare del motivo d’angolo.
Sfilate il gigliuccio tagliando 6 fili a dx e 6 fili a sx del filo centrale, saltate 4 fili sia a dx che a sx di questa sfilatura e tagliate 5 fili su entrambi i lati per eseguire il punto a giorno di chiusura.
Per le sfilature e le saldine usate il filo di spagnoletto n° 50.
Eseguite il gigliuccio prendendo 5 fili di tessuto ed eseguite le saldine a p.to asola sul rovescio del lavoro.

Ricamate a punto intaglio i motivi d’angolo dopo averli impinturati con il p.to erba.
Usate filo da Ricamo n° 25.
Ritagliate l’intaglio. Lavate a 40° senza centrifugare. Una volta  asciutte ripassate i contorni dell’intaglio eliminando i fili rimasti.
Stirate ben umido e da asciutte date una spruzzata di appretto spray prima dell’ultima stiratura.
Per la stiratura consultate “Come lo faccio?” .

Il motivo di queste tendine è molto decorativo e moderno e può essere utilizzato per tendine a vetro di qualsiasi forma e dimensione.

Esempio di tendina a vetro molto stretta con riga centrale di gigliuccio e
due motivi ad intaglio a chiusura dello stesso.
Esempio di tendina rettangolare e di dimensioni ridotte.

 

Tendine a pacchetto a vetro con balza smerlata e ricamo a punto inglese

Tendine a pacchetto a vetro con balza
smerlata e ricamo a p.to Inglese. Dim. L 0,30 x H 150
Girocappa con motivi a p.to Inglese che riprendono il ricamo delle tendine.
Dim. L 330 x H 0,15
Particolare del ricamo

Disegno e ideazione: Marinella
Tessuto: puro lino bianco di media pesantezza in H 180 della Tessitura Monti s.p.a. di
Maserada sul Piave (TV). Per ciascuna tendina servono cm. 180 x 50
Per il volan serve una striscia di tessuto lunga m. 350 e larga cm.25.
N.B. : Il tessuto per il volan richiede una abbondante metratura.
Dopo aver tagliato i 25 cm. della larghezza utilizzate i rimanenti
cm. 150 per confezionare le tendine.
Filo di spagnoletto CCC n° 50 bianco
Filo da ricamo Ancora n°25 bianco
Velcro già lavato a 60° cm. 30.
Anellini di plastica per pacchetti  n° 14.

Il tessuto ed il velcro vanno lavati insieme a 60° prima del taglio.

Taglio tendina: cm. 40 x cm. 170.
Togliere un solo filo sugli orli laterali a cm. 7,5 dal basso all’alto per tutta la lunghezza del tessuto.
Imbastire una piega doppia da cm. 2,5 ed eseguire un punto a giorno di sola andata prendendo 4 fili di tessuto.
Usare filo di spagnoletto n° 50.

Disegnare il motivo smerlato a cm. 3 dal bordo inferiore.
Eseguire un’impuntura a p.to catenella sulla smerlatura e ricoprirla a fitto punto festone.
Per la smerlatura e il p.to Inglese usate filo da ricamo n° 25.
Impunturate i contorni delle corolle a p.to erba, fate un piccolo taglietto centrale, ripiegate sotto i contorni del disegno ed eseguite il p.to Inglese.
Con il punteruolo forare i bottoncini centrali dei fiori e ricoprire i contorni con un fitto cordoncino tirando verso l’esterno. Per esperienza Vi suggerisco di non eseguire nessuna impuntura sui forellini e vedrete che tirando bene il filo verso l’esterno e girando continuamente il lavoro il forellino verrà automaticamente perfettamente rotondo. Le nervature vanno impunturate a p.to erba doppio e ricoperte con un fitto e regolare p.to cordoncino.

Passiamo alla confezione: A cm. 25 dalla smerlatura segnate un primo drittofilo trasversale e poi un altro a cm. 5 dal 1°.
Fate combaciare tra loro le due righe del drittofilo in modo che si formi una pieghina doppia sul dritto della tendina. Questa è la “vasina” in cui inserire il bastoncino che fa da contrappeso per far salire e scendere il pacchetto.
Cucite la piega sul rovescio con dei punti ben ravvicinati seguendo esattamente il segno del drittofilo.
Sempre sul rovescio delle pieghe laterali cucite gli anellini a mano. Posizionate il primo appena sopra la cucitura della vasina a contatto con la sfilatura del p.to a giorno. Segnate intervalli di cm. 20 lungo i bordi e cucitevi gli anellini.
Controllate che gli anellini siano ben allineati tra loro nel senso della larghezza, altrimenti la tendina salirà in modo asimmetrico.
In alto segnate un drittofilo a cm. 150 dalla smerlatura dando così la misura della lunghezza.
Ripiegate il tessuto eccedente per tre cm. e sul rovescio applicate il velcro con una solida cucitura a macchina.
Foto cartella 1111 P093

Ritagliate la smerlatura.
Lavate a 40° senza centrifugare.
Rifilate smerlatura e p.to Inglese, stirate ben inumidito evitando di appoggiare il ferro sia sugli anellini che sul velcro.

Il volan ha una cappa di cm. 12 di larghezza e cm.5 di profondità. Il disegno va inserito a cappe alterne.
Il velcro va lavato a 60°prima di essere applicato e va cucito dopo aver risvoltato due cm. di tessuto sul dritto del lavoro. Infatti lungo l’interno della mensola della cappa andrà applicato il controvelcro e fissato con punti metallici. Il velcro del volan aderirà al conrtovelcro lasciando vedere solo la smerlatura che scende dal girocappa.

Lenzuolino e copertina per la culla di Beatrice

Con pizzi eseguiti dalla zia Francesca Trianni

Lenzuolino dimensioni 80 x 120, federina a 4 volant dimensioni 50 x 30 in lino leggero bianco; copertina dimensioni 60 x 60 in lino di media pesantezza.

Copertina dimensioni cm 60 x 60 in lino di media pesantezza.

Disegno: tratto da Lini e Culle nr. 18 di Mani di Fata

Tessuto: per lenzuolino e federina metri 1,30 di lino bianco leggero in altezza cm 180.

Lenzuolino e copertina

Lenzuolino e copertina

per la copertina: metri 0,80 lino bianco di media pesantezza in altezza cm 180

Tessitura Monti S.p.A. Maserada sul Piave (TV)

Filati: per i pizzi cordonetto nr. 40

per sfilature filo di spagnoletto nr. 50 3C e filo perlè nr. 12 per l’intreccio

per i ricami filo da ricamo nr. 25 bianco Ancora

Esecuzione: per i pizzi vedere spiegazioni su Album di Mani di Fata “Lini e Culle” nr. 18

Taglio: per il lenzuolino tagliare cm 85 x cm 130; per la federina tagliare cm 66 x 46 per la parte superiore;

cm 57 x 34 per la parte inferiore e cm 34 x 13 per la chiusura all’americana.

Lenzuolino: per il bordo superiore sfilate il punto a giorno a cm 11 togliendo 15 fili, fermandovi a 2 cm dai bordi. Eseguite una cucitura a macchina sui lati lunghi e sul fondo del lenzuolino ripiegando un bordo di 1 cm. Ripiegate 1 cm sul bordo superiore, ribattete l’orlo sul margine della sfilatura formando un orlo di cm 5.

Eseguite il punto a giorno prendendo 5 fili. Annodate le colonnette a fascetti di 3. Applicate il pizzo a punto quadro.

Federina: sfilate la parte superiore a 11 cm dai 4 bordi, togliendo 15 fili, ripiegate 1 cm e poi ribattete l’orlo sul margine della sfilatura, confezionando 4 angoli sbieghi su una piega di 5 cm.

Eseguite il punto a giorno di sola andata prendendo 5 fili.

Lenzuolino e federina

Lenzuolino e federina

Confezionate la parte inferiore con una cucitura a macchina su un orlino di cm 1 sui 3 lati e di cm 3 sulla parte della apertura. Eseguite la stessa pieghina sul pezzo di tessuto della chiusura all’americana. Imbastite questa parte su un lato corto della federina e  fissatela con il punto a giorno di ritorno.

Imbastite la parte inferiore sul margine interno della sfilatura e fissatela con il punto a giorno di ritorno. Annodate quindi il punto a giorno a fascetti di 3. Fissate il filo al centro dei 4 angoletti, formando una croce che arricchirete con un ragnetto centrale.

Copertina: tagliate un quadrato di cm 80 x 80.

Sfilate il punto a giorno sui 4 lati per una pieghina doppia di cm 5 togliendo 5 fili a 15 cm dai bordi.

Ripiegate in doppio formando 4 angoli tagliati sbieghi.

Eseguite il punto a giorno a colonnette prendendo 4 fili.

Applicate il pizzo a punto quadro perfettamente al centro della copertina.

A cm. 4 dal pizzo sfilate 15 fili per il punto a giorno a fascetti annodati, lasciando uno spazio di cm 5 x 5 sui 4 angoli.

Eseguite il punto a giorno prendendo 4 fili e annodateli a 3 a 3 come per il lenzuolino.

Disegnate il motivo a punto intaglio nei 4 angoli lasciati liberi dalla sfilatura; ricamate con filo da ricamo nr. 25.

Particolare della copertina

Particolare della copertina

Ritagliate. Lavate a 40° senza centrifugare. Ripassate i margini dei pizzi e dell’intaglio e stirate ben umido.

Tendina a vetro libera per bagno-lavanderia, montata su bastoncino di ottone

dim. 53×60

Tessuto di puro lino – ricamo farfalle a intaglio colorate tra due righe di à jour “a caramella” e rifinitura a punto a giorno sui 4 lati su piega doppia da cm 3,5.

Disegno: farfalla tratta da un particolare della rivista Mani di Fata e ridotta del 50% per le due piccole farfalle laterali.

Tessuto: m 0,90 puro lino bianco di media pesantezza in h 180. Tessitura Monti S.p.A. Maserada sul Piave (TV).

Tendina a vetro bagnetto Angela

Tendina a vetro bagnetto Angela

Filati:

per à jour: filo di spagnoletto n° 50 bianco 3C

per intaglio: filo moulinè Ancora:

– 1 matassina verde n° 240 – 261 – 859

pochi fili rosso arancio n° 334 – nero 403

Esecuzione:

Lavare il tessuto a 60° prima del taglio e stirare.

Tagliare cm 68 X 85

Sfilare orli a cm 10,5 sui 4 lati e riga trasversale a cm 10 dal punto a giorno della base.

togliere 6 fili sui due lati e in alto

togliere 12 fili sulla riga trasversale e sulla base

disegnare farfalla grande al centro delle sfilature e le farfalline laterali girate verso l’esterno

Ricamo: eseguire punto a giorno con filo di spagnoletto n° 50 prendendo 4 fili; intrecciare la “caramella” con filo moulinet a 3 capi colore verde n° 859. Saldare il filo sul primo e sull’ultimo punto a giorno ricoperto precedentemente a punto festone.

Eseguire l’impuntura dell’intaglio a punto erba con due fili di moulinè nel colore che si userà per l’intaglio. Iniziare l’intaglio dall’interno delle ali delle farfalle, coprendo l’impuntura a punto festone e lavorando le barrette mano a mano che si incontrano. Proseguire con il punto festone sui bordi esterni delle ali; i pois sono a punto pieno imbottito e così pure il corpo delle farfalle; le antenne sono a punto erba doppio.

I colori delle farfalline sono invertiti rispetto ai colori della farfalla centrale.

Tendina a vetro bagnetto Angela

Tendina a vetro bagnetto Angela

Ritagliare, lavare a 40°, ripassare l’intaglio e stirare.

Consigli: come prendere le misure per le tendine a vetro:

il “vetrage” non deve mai oltrepassare il bordo inferiore del telaio

se la tendina è libera misurate tutta la lunghezza del telaio e togliete 2 cm

se intendete fissarla al telaio inferiore togliete 4 cm

calcolate la larghezza partendo dall’interno della maniglia e arrivate ad almeno 3 cm sul telaio opposto.

Il bastoncino va fissato a 2 cm dall’alto del telaio e tra supporto e supporto deve misurare 1 cm in più della larghezza della tendina.

Tenda corta per tinello montata su bastone di legno con fettucce

dim. 110 x 140 tessuto di puro lino; pieghine laterali doppie da cm 1 con orlo a giorno a colonnette, balza doppia da cm 8 con gigliuccio. Ricamo con fiore ad intaglio e riga di gigliuccio centrale. Rifinitura con 8 pieghine fisse su bordo doppio da cm 6 e 8 fettucce per anelli.

Disegno: particolare di tovaglia liberamente riadattato, tratto da un album “l’intaglio” di Mani di Fata.

Disegno tenda tinello

Disegno tenda tinello

Tessuto: m 1,20 puro lino bianco leggero altezza 180. Tessitura Monti S.p.A. Maserada sul Piave (TV)

Fettuccia: m 2 alta cm 1

Filati: per à jour, gigliuccio e cuciture: filo spagnoletto n° 50 bianco 3C.

Per intaglio 3 matassine filo da ricamo bianco colore 1 n° 25 Ancora

Esecuzione: lasciare tutto il taglio del tessuto: 120 x 180 e togliere le cimose.

Sfilare gli orli:   primo filo lati a cm 4.   – Sfilare 5 fili per punto a giorno a colonnette

primo filo base a cm 24.  – Sfilare per gigliuccio 4 fili – lasciarne 4 – sfilare 15 – lasciarne 4 – sfilare 4

Ripiegare i lati con pieghina doppia e imbastire; fare un sottopunto  sulla parte della balza; ripiegare la balza con piega doppia.

Eseguire gli orli a giorno laterali e il gigliuccio della balza con filo di spagnoletto prendendo 4 fili.

Disegnare il motivo a intaglio al centro della larghezza e a 25 cm dal gigliuccio della balza.

Ricamo a intaglio con filo da ricamo n° 25.

Impuntura a punto erba. Iniziare l’intaglio dai 3 ragnetti centrali coprendo l’impuntura a punto festone lavorando le barrette mano a mano che si incontrano. Proseguire con le corolle del fiore centrale, con le foglie di destra e con quelle di sinistra. Il bottone interno del fiore è a punto festone rivolto verso l’esterno; le venature del fiore e delle foglie sono a punto erba doppio, saldate una ad una senza passare sul rovescio dall’una all’altra perchè in trasparenza si noterebbero troppo.

Chiudere la cornice a punto festone coprendo bene le barrette.

Eseguire l’intaglio sui motivi della cornice e i rami delle foglie a punto erba doppio. I forellini sono a punto inglese eseguiti con punteruolo ma senza impuntura.

Tenda tinello

Tenda tinello

Sfilare la riga centrale di gigliuccio partendo a 5 cm sopra la punta della cornice: sfilate il filo centrale per cm 80. Tagliate 7 fili a destra e 7 fili a sinistra del filo centrale, lasciatene 4 sia a destra che a sinistra e toglietene 4 a destra e 4 a sinistra. In questo modo la sfilatura sarà perfettamente centrata. Eseguite il gigliuccio prendendo 4 fili.

Ritagliare, lavare a 40°, ripassare l’intaglio, chiudere i lati della balza, stirare.

Confezione: sulla tenda ben stirata prendete la misura della lunghezza finita e segnate il drittofilo; a questa misura aggiungete 12 cm per il risvolto doppio della piega. Segnate il drittofilo e tagliate il tessuto in eccedenza. Ripiegate in doppio, segnate le pieghe a distanze regolari fino a portare la misura della larghezza a cm 90. Eseguite una cucitura a macchina a cm 3 dal bordo superiore inserendo le fettucce tra piega e piega e fate poi un’altra cucitura lungo il bordo inferiore della ripiegatura.

Stirate nuovamente con un po’ di appretto spray.

Consigli: le fettucce sono molto decorative, hanno un sapore antico, ma sono anche scomode; potete sostituirle con una pratica riloga e dei gancetti di plastica che facilitano il montaggio.

Questo sito nasce dalla mia passione per il ricamo.

Mi chiamo Marinella Rapino, ho 62 anni e una lunga esperienza da mettere a disposizione di tutte le appassionate di ricamo che vogliono preparare, ricamare e confezionare i loro capi di biancheria e d’arredo.

A jour e guipure sono i punti che ho ricamato sui tendaggi negli anni della mia attività artigianale e che oggi insegno presso la scuola “Filofilò” del Gruppo Artistico Culturale Milo Burlini di Ponzano V.to, in provincia di Treviso.

Alle mie amiche allieve cerco di trasmettere questa arte silenziosa, paziente e creativa, che appassiona e rilassa e che nei momenti difficili della vita diventa una vera terapia contro la depressione.

Le lezioni non sono a tema specifico; non si eseguono “imparaticci”, ma ognuna sceglie un lavoro personale da eseguire con il mio aiuto.

Troverete così, oltre a mie creazioni, anche una vasta carrellata dei loro lavori, di cui vado particolarmente orgogliosa perchè eseguiti con una precisione molte volte superiore alla mia.

La maestra semina l’idea, le allieve la coltivano con pazienza e con amore e i frutti sono sempre speciali.

I vostri commenti
Sponsor